Come funziona l’IVA sull’acquisto di un’auto per una società: detraibilità, deducibilità e adempimenti

Studio Tributario Manetti

Tutto quello che devi sapere sull’IVA per l’acquisto di un’auto

IVA SULL’ACQUISTO DI UN’AUTO PER UNA SOCIETÀ: SAI COME FUNZIONA ???

L’acquisto di un’auto per una società rappresenta un investimento importante, con l’IVA che assume un ruolo significativo nel costo finale. In questo articolo, analizziamo le diverse aliquote IVA applicate, la detraibilità e la deducibilità per le società.

Aliquote IVA

L’aliquota IVA ordinaria applicata all’acquisto di un’auto nuova è del 22%. Tale aliquota si applica anche agli accessori e alle spese accessorie, come le spese di consegna.

Esistono però alcune eccezioni:

  • Auto ad alimentazione elettrica o ibrida: l’aliquota IVA è ridotta al 10%.
  • Auto usate: l’IVA è assolta dal venditore al momento della prima vendita, quindi l’acquirente non paga l’IVA. Tuttavia, se l’acquirente è un soggetto passivo IVA, può recuperare l’IVA versata dal venditore.

Detraibilità IVA

La detraibilità dell’IVA sull’acquisto di un’auto per una società dipende dall’utilizzo del veicolo:

  • Utilizzo esclusivo per l’attività d’impresa: la società può detrarre l’IVA al 100%.
  • Utilizzo promiscuo (sia per uso aziendale che privato): la detraibilità è limitata al 40%.

Deducibilità dei costi

Oltre alla detraibilità dell’IVA, i costi per l’acquisto e l’utilizzo dell’auto possono essere deducibili dal reddito d’impresa. La deducibilità è ammessa:

  • Per il 20% per le autovetture.
  • Per il 100% per i veicoli commerciali.

Casi particolari

Esistono alcune situazioni che possono comportare un trattamento IVA differenziato:

  • Acquisto di un’auto all’estero: l’IVA è applicata nel paese in cui l’auto viene immatricolata.
  • Acquisto di un’auto da un privato: l’IVA non è dovuta, ma la società può essere tenuta a versare l’imposta di registro.

Adempimenti

Le società che acquistano un’auto devono:

  • Emettere una fattura a sé stessa, con l’indicazione dell’IVA.
  • Registrare la fattura nel registro degli acquisti.
  • Dichiarare l’IVA detraibile nella dichiarazione IVA annuale.

Consigli

  • È importante conservare la documentazione relativa all’acquisto dell’auto, come la fattura e il libretto di circolazione.
  • In caso di dubbi sulla detraibilità o deducibilità dei costi, è consigliabile consultare un commercialista.

Conclusione

L’IVA sull’acquisto di un’auto per una società può essere un tema complesso. Per questo motivo, è importante informarsi correttamente sulle aliquote IVA applicate, sulla detraibilità e sulla deducibilità dei costi, al fine di evitare errori e sanzioni.

Esempio 1: Acquisto di un’auto nuova per uso aziendale esclusivo

Società: Srl Alfa Tipologia di auto: Autovettura elettrica Costo: € 30.000 + IVA 22% (€ 6.600) Utilizzo: Esclusivo per l’attività d’impresa

Detraibilità IVA: 100% (€ 6.600) Deducibilità dei costi: 20% (€ 6.000)

Imposta di registro: Non dovuta

Adempimenti:

  • Emissione di fattura a sé stessa con l’indicazione dell’IVA.
  • Registrazione della fattura nel registro degli acquisti.
  • Dichiarazione dell’IVA detraibile nella dichiarazione IVA annuale.

Esempio 2: Acquisto di un’auto usata per uso promiscuo

Società: Srl Beta Tipologia di auto: Autovettura a benzina Costo: € 20.000 + IVA 22% (€ 4.400) Utilizzo: Promiscuo (50% aziendale, 50% privato)

Detraibilità IVA: 40% (€ 1.760) Deducibilità dei costi: 20% (€ 4.000)

Imposta di registro: Non dovuta

Adempimenti:

  • Emissione di fattura a sé stessa con l’indicazione dell’IVA.
  • Registrazione della fattura nel registro degli acquisti.
  • Dichiarazione dell’IVA detraibile nella dichiarazione IVA annuale.

Esempio 3: Acquisto di un’auto all’estero

Società: Srl Gamma Tipologia di auto: Autovettura ibrida Costo: € 25.000 + IVA 20% (€ 5.000) Paese di acquisto: Germania

Detraibilità IVA: 40% (€ 2.000) Deducibilità dei costi: 20% (€ 5.000)

Imposta di registro: Dovuta in Italia

Adempimenti:

  • Registrazione dell’auto al PRA italiano.
  • Versamento dell’IVA all’importazione.
  • Dichiarazione dell’IVA detraibile nella dichiarazione IVA annuale.

Si precisa che questi sono solo esempi semplificati. La normativa IVA è complessa e soggetta a frequenti aggiornamenti. Si consiglia di consultare il nostro studio per avere una risposta precisa e personalizzata.

MANETTI CONSULTING 

MASSIMO MANETTI

Tributarista

[icon name=”book-reader” style=”solid” class=”” unprefixed_class=””] CLICCA E LEGGI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *